Translate

giovedì 17 agosto 2017

Messaggio del 13 e del 15 agosto 2017 a Ivan - Medjugorje


 Messaggio del 13 agorsto 2017

Cari figli, 
               anche oggi vi invito alla perseveranza nella preghiera.  
Pregate, cari figli, in particolare per la perseveranza nella preghiera familiare
Oggi prego insieme con voi per la famiglia. Desidero, cari figli, la santità nella famiglia, affinché ci siano più famiglie sante che preghino e vivano le parole di mio Figlio e i messaggi che vi do. 
Grazie, cari figli, per aver risposto anche oggi alla mia chiamata.

 Padre Livio di Radio Maria


  Messaggio  del 15 agosto 2017
Apparizione nella cappella di Ivan veggente


La Madonna è apparsa particolarmente gioiosa.
Sull'altare c'erano fiori bellissimi, ma la Madonna ha detto che per lei i fiori più belli siamo noi.
Ha detto anche di trasmettere amore a chi non conosce l'amore di suo Figlio e di testimoniare l'amore.
Ha chiesto preghiere per la pace.
Ha pregato a lungo sugli ammalati e i sacerdoti presenti.


Ringraziamo Virgilio Baroni per la condivisione

domenica 13 agosto 2017

Il generale Maksinov rivela: "DISTRUGGI I FRATI, IO DISTRUGGERO’ MEDJUGORJE"

“TU DISTRUGGI I FRATI IN ERZEGOVINA, IO DISTRUGGERO’ MEDJUGORJE”. ENNESIMO ATTACCO DEL GENERALE MAKSIMOV (KGB) CONTRO I VESCOVI DI MOSTAR. LA DIOCESI: SOLO BLASFEMIA





Non si placano le accuse nei confronti dei due vescovi di Mostar (il defunto mons. Pavao Žanić e l’attuale vescovo Ratko Perić) circa la loro presunta collaborazione con il regime comunista per frenare e arginare il “fenomeno Medjugorje”. A lanciarle è nuovamente un personaggio molto particolare: il generale Maksinov (si dichiara componente del Kgb).


E le nuove accuse sono contenute in un altro film/documentario (dopo il primo che recentemente ha fatto molto rumore dal titolo “Da Fatima a Medjugorje”) della durata di circa 30 minuti che circola sul web e nei social in cui il principale testimone, il generale Maksimov, viene intervistato da un giornalista (non ho ben capito chi sia).

Più o meno si tratta delle stesse imputazioni che da tempo vengono rivolte ai due vescovi. In particolare, questa volta, il generale Maksinov rivela che lui stesso  avrebbe incontrato il vescovo Perić a Roma sei volte, negli anni 2000, 2001, 2002, 2004, 2006 e 2008 per comunicargli il “lavoro” che il prelato avrebbe dovuto portare a compimento. E il “lavoro” – secondo le affermazioni del generale – sarebbe consistito in questo: “Tu distruggi i frati in Erzegovina, io distruggerò Medjugorje”.

Insinuazioni considerate come “calunnie blasfeme” dalla diocesi di Mostar che in un nuovo comunicato – a firma del vicario generale Don Željko Majić (lo puoi leggere qui http://www.md-tm.ba/clanci/le-ostinate-calunnie-del-generale) – parla di “linciaggio dei vescovi di Mostar e di tutta la Chiesa Cattolica”.

La diocesi attende il momento “in cui Maksimov – si legge nel comunicato – raccoglierà il suo coraggio da generale, pari alla sua audacia diffamatoria, e anziché stare davanti alle telecamere senza documenti, starà davanti al Vescovo con i documenti”.

Aspettiamo nuovi sviluppi.

Martedì 15 agosto, Solennità dell’Assunta a Medjugorje





Martedì 15 agosto ricorrerà la Solennità dell’Assunzione della Beata Vergine Maria al Cielo. Presso la chiesa parrocchiale di San Giacomo a Medjugorje, le Sante Messe in lingua croata verranno celebrate alle ore 5:00, 6:00, 7:00, 8:00, 9:00 e 11:00, mentre la Santa Messa serale sarà alle ore 19:00. Anche quel giorno, il programma liturgico di preghiera serale avrà inizio alle ore 18:00, con la preghiera del Rosario. Le Sante Messe nelle lingue dei gruppi di pellegrini stranieri presenti verranno celebrate lungo la mattinata.
In questi giorni immediatamente precedenti la Solennità dell'Assunta, l’Ufficio informazioni registra la presenza a Medjugorje di gruppi di pellegrini provenienti dall’Italia, dal Libano, dall’Ucraina, dalla Polonia, dalla Slovacchia, dall’Irlanda, dall’Ungheria, dalla Repubblica Ceca, dal Portogallo, dalla Spagna, dalla Germania, dalla Francia, dalla Slovenia, dagli USA, dall’Austria, dall’Inghilterra, dalla Repubblica di Gabon, dalla Croazia e dalla Bosnia Erzegovina.

Fonte:http://www.medjugorje.hr/it/attualita/solennit%c3%a0-dell%e2%80%99assunta-a-medjugorje,9191.html

martedì 8 agosto 2017

Fra Alessandro Brustenghi di Assisi in concerto a Medjugorje

Concerto di ringraziamento di fra Alessandro Brustenghi da Assisi

data: 07.08.2017.
Al termine del programma liturgico di preghiera serale di Domenica 6 agosto 2017, presso l’Altare esterno della chiesa parrocchiale di san Giacomo, fra Alessandro Brustenghi ha tenuto un Concerto di ringraziamento unitamente al Coro ed all’Orchestra Internazionali che hanno animato il Festival dei Giovani appena concluso.
Fra Alessandro si era già presentato durante il Ventottesimo Incontro Internazionale di Preghiera dei Giovani, e precisamente sabato 5 agosto scorso. Si tratta di un francescano di talento, con una voce angelica. Le sue esecuzioni di brani sia classici che contemporanei gli hanno conquistato estimatori in tutto il mondo. (foto)


domenica 6 agosto 2017

Messaggio del 5 agosto 2017 - Medjugorje

Carissimi, ecco quanto Ivan ci ha comunicato circa l’apparizione da lui avuta stasera, sabato 5 agosto 2017, sul Podbrdo alle ore 22:00:«Vorrei descrivervi brevemente l’incontro di stasera con la Madonna. Anche stasera la Madonna è venuta a noi molto gioiosa e felice. All’inizio, ha salutato tutti noi col suo materno saluto: “Sia lodato Gesù, cari figli miei!”. Poi, con grande gioia, ha pregato qui su tutti noi con le mani distese. Poi la Madonna ha detto:

“Cari figli, anche oggi mi rallegro insieme a voi. Anche oggi desidero invitarvi a decidervi per Gesù. Vedo così tanti giovani che stanno ritornando a Lui, che si stanno decidendo per Lui e stanno cambiando. Pregate per i giovani, cari figli, pregate per le famiglie! La Madre prega per tutti voi. Specialmente in questo tempo di grazia, pregate di più! Pregate che mio Figlio nasca nei vostri cuori e vi rinnovi, e permettete allo Spirito Santo di guidarvi. Grazie, cari figli, per aver anche oggi risposto alla mia chiamata”.

In seguito, la Madonna ci ha benedetto tutti con la sua benedizione materna ed ha benedetto anche tutto quello che avete portato perché venisse benedetto. Ho raccomandato tutti voi, le vostre necessità, le vostre intenzioni, le vostre famiglie. Ho raccomandato anche tutti i giovani che stanno partecipando a questo Festival e le loro famiglie. Poi la Madonna ha continuato a pregare, e in questa preghiera se n’è andata nel segno della luce e della croce, col saluto: “Andate in pace, cari figli miei!”».

sabato 5 agosto 2017

5 AGOSTO COMPLEANNO DELLA MADONNA (Lo ha rivelato alla veggente Vicka a Medjugorje)


Cari amici, con grande gioia festeggiamo il compleanno della nostra cara Madre Regina della Pace.
Lei stessa ci ha rivelato che la data esatta della sua nascita è il 5 Agosto 
Certo siamo chiamati, insieme a tutta la Chiesa, a festeggiare liturgicamente la natività di Maria ogni 8 settembre, ma in modo affettuoso vogliamo approfittare di questo dono che la Regina della Pace ci ha fatto nell'indicarci la data esatta del suo compleanno.

La Madonna a partire dal 7 gennaio 1983 e fino al 10 aprile 1985 ha raccontato la sua vita a Vicka. La veggente, su precisa richiesta della Madonna, ha trascritto per intero il racconto riempiendo tre corposi quaderni in vista della pubblicazione che avverrà quando la Madonna la autorizzerà e sotto la responsabilità di un sacerdote che la veggente ha già scelto.



Finora non si sa nulla di questo racconto. La Madonna ha permesso che fosse reso noto solo la data del suo compleanno: il 5 agosto.

Questo è successo nel 1984, in occasione del bimillenario della sua nascita, concesse grazie straordinarie e innumerevoli. Il 1° agosto 1984 la Madonna chiese in preparazione un triduo di preghiera e digiuno: “Il 5 agosto prossimo si celebri il secondo millennio della mia nascita. Per quel giorno Dio mi permette di donarvi grazie particolari e di dare al mondo una speciale benedizione. Vi chiedo di prepararvi intensamente con tre giorni da dedicare esclusivamente a me. In quei giorni non lavorate. Prendete la vostra corona del rosario e pregate. Digiunate a pane e acqua. 

Nel corso di tutti questi secoli io mi sono dedicata completamente a voi: è troppo se adesso vi chiedo di dedicare almeno tre giorni a me?”

Così il 2, 3 e 4 agosto 1984, cioè nei tre giorni prima della celebrazione del 2000° compleanno della Madonna, a Medjugorje nessuno lavorò e tutti si dedicarono alla preghiera, specialmente del rosario, e al digiuno. I veggenti dissero che in quei giorni la Mamma Celeste appariva particolarmente gioiosa, ripetendo: “Sono molto felice! Continuate, continuate. Continuate a pregare e a digiunare. Continuate a farmi felice ogni giorno”. Le numerosissime confessioni furono ascoltate ininterrottamente da ben settanta sacerdoti, e un gran numero di persone si convertì. “I sacerdoti che ascolteranno le confessioni, avranno una grande gioia quel giorno”. E infatti in seguito molti sacerdoti confideranno con entusiasmo che mai nella loro vita avevano provato così tanta gioia nel cuore!

Ecco un aneddoto raccontato in proposito da Marija: “La Madonna ci ha detto che il 5 di agosto è il suo compleanno e noi abbiamo deciso di ordinare una torta. Era il 1984 e la Madonna compiva 2000 anni, così abbiamo pensato di fare una torta bella grande. Nel gruppo di preghiera che si trovava in canonica eravamo 68, più il gruppo che si trovava sulla collina, in totale eravamo un centinaio. Abbiamo deciso dimetterci tutti insieme per fare questa grande torta. Non so come abbiamo fatto a portarla tutta intera, fin sulla collina della croce! Sulla torta abbiamo messo le candeline e tante rose di zucchero. La Madonna poi è apparsa e abbiamo cantato “tanti auguri a Te”. Poi alla fine ad Ivan è venuto spontaneo di offrire una rosa di zucchero alla Madonna. Lei l’ha presa, ha accettato i nostri auguri e ha pregato su di noi. Noi eravamo al settimo cielo. Eravamo però perplessi per quella rosa di zucchero e il giorno dopo alle cinque di mattina siamo andati sulla collina per cercare la rosa, pensando che la Madonna l’avesse lasciata lì, ma non l’abbiamo più trovata. Così la nostra gioia era tanta, perché una rosa di zucchero la Madonna l’ha portata in cielo. Ivan era tutto fiero perché gli era venuta questa idea.

Anche noi, ogni anno, possiamo offrire un regalo alla Regina della Pace per il giorno del suo compleanno.

Preparandoci a festeggiarlo con lei con la confessione, anche se ci siamo confessati recentemente, con la Messa quotidiana, con la preghiera ed il digiuno. Se non ci è possibile digiunare offriamo delle rinunce: alcol, sigarette, caffè, dolciumi... sicuramente non ci mancheranno le occasioni per rinunciare a qualcosa da offrire a lei. 

Così che il giorno del suo compleanno Lei possa davvero ripetere anche a noi le parole che disse la sera di quel 5 agosto 1984: “Figli cari! Oggi sono felice, tanto felice! Non ho mai pianto di dolore nella mia vita come questa sera piango di gioia! Grazie!”



Solitamente alle feste di compleanno è il festeggiato che riceve i regali. Invece, qui a Medjugorje, è la festeggiata che il giorno del suo compleanno – e non solo – elargisce doni agli invitati.

Anche lei, però, chiede a ciascuno di noi di farle un regalo speciale: «Cari figli, io desidero che tutti voi che siete stati a questa fonte di grazie, o vicino a questa fonte di grazie, veniate a portarmi un regalo speciale, in paradiso: la vostra santità» (messaggio del 13 novembre 1986).









Fonte http://www.messaggimedjugorje.net/il-compleanno-della-madonna.html

mercoledì 2 agosto 2017

Messaggio del 2 agosto 2017 - M E Đ U G O R J E

Messaggio della Regina della Pace Medjugorje dato a Mirijana il 2 agosto 2017



“Cari figli,
                per volontà del Padre Celeste, come Madre di Colui che vi ama, sono qui con voi per aiutarvi a conoscerlo, a seguirlo. 
Mio Figlio vi ha lasciato le impronte dei suoi passi, perché vi fosse più facile seguirlo. 
Non temete, non siate insicuri. 
Io sono con voi! 
Non fatevi scoraggiare, perché sono necessari molta preghiera e sacrificio per quelli che non pregano, non amano e non conoscono mio Figlio. 
Aiutateli vedendo in loro dei vostri fratelli.

Apostoli del mio amore, prestate ascolto alla mia voce in voi, sentite il mio materno amore.
 Perciò pregate: pregate operando, pregate donando. Pregate con amore, pregate con le opere e con i pensieri, nel nome di mio Figlio. 
 Quanto più amore darete, tanto più ne riceverete. 
 L’amore scaturito dall’Amore illumina il mondo.

 La redenzione è amore, e l’amore non ha fine. 

Quando mio Figlio verrà di nuovo sulla terra, cercherà l’amore nei vostri cuori.

 Figli miei, lui ha fatto per voi molte opere d’amore. 
 Io vi insegno a vederle, a comprenderle e a rendergli grazie amandolo e perdonando sempre di nuovo il prossimo.
Perché amare mio Figlio vuol dire perdonare. 
 Non si ama mio Figlio, se non si riesce a perdonare il prossimo, se non si riesce a cercare di capire il prossimo, se lo si giudica.
Figli miei, a cosa vi serve la preghiera, se non amate e non perdonate?  

Vi ringrazio!”

          *******************************

Gospina poruka 2. kolovoza 2017.: Draga djeco,
Voljom Nebeskog Oca, kao majka onoga koji vas ljubi, tu sam s vama da vam pomognem da ga upoznate, slijedite.
Moj Sin vam je ostavio otiske svojih stopala, da bi vam bilo lakše slijediti ga.
Ne bojte se. Ne budite nesigurni, ja sam s vama. Ne dajte se obeshrabriti jer potrebno je mnogo molitve i žrtve za one koje ne mole, ne ljube i ne poznaju moga Sina.
Pomozite gledajući u njima svoju braću. Apostoli moje ljubavi osluškujte moj glas u sebi, osjetite moju majčinsku ljubav, zato molite, molite djelujući, molite darujući, molite ljubavlju, molite radom i mislima u ime moga Sina.
Što god više ljubavi budete davali, više ćete je i primiti. Ljubav proizišla iz ljubavi rasvjetljuje svijet. Otkupljenje je ljubav, a ljubav nema svršetka. Kada moj Sin iznova dođe na zemlju, tražit će ljubav u vašim srcima.
Djeco moja, mnoga je djela ljubavi za vas učinio. Ja vas učim da ih vidite, shvatite i zahvaljujete mu ljubeći ga, i uvijek iznova opraštajući bližnjima, jer ljubiti moga Sina znači opraštati. Moj se Sin ne ljubi ako se bližnjemu ne može oprostiti, ako se bližnji ne može pokušati shvatiti, ako se sudi. Djeco moja, čemu vam molitva, ako ne ljubite i ne praštate.
Hvala vam.